Tanta ipocrisia per non farci vedere la realtà che sta intorno a noi.

Si parla di corruzione dei partiti e non si dice che vanno al potere con il voto di scambio sui posti di lavoro, quel lavoro di cui si celebra la festa.

Festa di corruzione, intrighi, furti, illegalità che compongono i vari pacchetti voto che tengono in piedi il potere. Ma di tutto questo pare  non esista nemmeno l’ombra salvo il fatto che ci troviamo a pagare dei sacrifici che già i partiti si preparano a sabotare perché devono fare il pieno dei voti alle prossime elezioni, prime fra tutte quelle amministrative, ripetendo quello che ci ha portato al baratro.  Complimenti alla professionalità espressa dai numerosi articoli che si leggono in giro e alle numerose dichiarazioni di illustri personaggi che sanno bene come confonderci le idee. Bravissimi tutti quelli che hanno organizzato feste e festini per farci stare insieme per tenere su l’allegria dei potenti e dei loro garantiti che adesso si sentiranno confortati e rassicurati dalla mobilitazione in loro favore.

Annunci